Area 1

Descrizione:

"Sepolcreto ostiense". Sono visibili i resti di un " complesso di grande interesse, che si svolge per circa cinque secoli, dal II sec. a.C. al IV sec. d.C.[...] con una sovrapposizione dei sepolcri su più strati. La necropoli documenta molto bene il passaggio progressivo dal rito dell'incinerazione a quello dell'inumazione nel corso del II-III sec. d.C., e costituisce per questo uno degli esempi più interessanti, dal punto di vista storico, che si conoscano a Roma" (Coarelli 1993, p.218). Per una descrizione più completa dei resti si veda : Coarelli 1993, pp.218-222; Ramieri 1996, pp. 4-11. Coarelli considera i resti oggi conservati sotto la tettoia moderna, come facenti parte di un più ampio sepolcreto "con uno sviluppo da ovest verso est, cioè dalla via Ostiense alla Roccia di S. Paolo" (Coarelli 1993, p.218); in realtà occorre tener presente che l'estensione della necropoli doveva interessare i non troppo esigui spazi adiacenti a quest'area anche sui lati N e S. Visibili

Dimensioni: 35 x 11 m ca (dim.area)

Segnala una nuova area

Hai trovato un'area archeologica non segnalata nel sito o hai visto degli scavi in corso che vorresti segnalare? Inviaci i dati in maniera rapida e facile; provvederemo a pubblicare la tua area in breve tempo.

Inizia


Localizzazione:



Migliora questa scheda

Hai del materiale che riguarda quest'area? Sei in possesso di foto, video o hai un aneddoto o una storia da raccontare su questa zona? Inviaci il materiale.

Invia materiale

I resti archeologici:

"Nel corso dei lavori di allargamento della Via Ostiense fu scavato nel 1919, un ampio settore di necropoli, un tratto della quale è stato lasciato in vista al di sotto di una tettoia" (Coarelli 1993, p.218). Attualmente l'area è visibile attraverso la grata di recinzione. Negli spazi un tempo utilizzati come abitazione del custode, è stato oggi allestito un piccolo antiquarium. L'area è abitualmente chiusa e non accessibile al pubblico. Per visitare il monumento è necessario un permesso da richiedere alla X Ripartizione del Comune di Roma, via del Portico d'Ottavia n.29. I resti della necropoli compresa in quest'area, dovevano presumibilmente costituire, all'origine, un unico contesto con l'area 1252. Resti del 'Sepolcreto ostiense' possono pertanto conservarsi sotto gli edifici e le sedi stradali attuali.

Tipologia: Non identificata

Funzione: Funeraria

Visibilità: Visibile

Riferimenti bibliografici: "Carta dell'Agro" (1988), 1990 F 24 n.104: Necropoli e Basilica di S.Paolo. F.Coarelli , Dintorni di Roma, Roma-Bari 1993, pp.218-221. A.M. Ramieri, Il Sepolcreto della Via Ostiense, in Forma Urbis, Anno I, n. IX (Ottobre 1996), pp.4-11. Guida d'Italia, Touring Club Italiano, Roma 1993, p.796.

Racconta una storia


Immagini:

FOTOGRAFIE


FOTOGRAFIE AEREE
Non abbiamo attualmente contenuti di questo tipo; se sei in possesso di materiale utile partecipa ed invialo! Grazie.



Rilievi:

Non abbiamo attualmente contenuti di questo tipo; se sei in possesso di materiale utile partecipa ed invialo! Grazie.


Cartografie:

Non abbiamo attualmente contenuti di questo tipo; se sei in possesso di materiale utile partecipa ed invialo! Grazie.


Link video YouTube:

Non abbiamo attualmente contenuti di questo tipo; se sei in possesso di materiale utile partecipa ed invialo! Grazie.


Un progetto a cura di